Money exchange: quando, dove e come conviene cambiare i soldi per il tuo viaggio

Cambiare i soldi
Conviene di più cambiare i soldi prima di partire o una volta arrivati a destinazione? In aeroporto, in banca o in un ufficio di cambio? Quando ti ritrovi a dover cambiare i soldi in valuta locale, se non vuoi incorrere in costi fastidiosi e commissioni nascoste è essenziale sapere in anticipo come muoverti e quali aspetti considerare durante qualsiasi cambio di valuta.

Cambiare i soldi: quella che sembra un’azione così scontata, di fatto… non lo è.

Infatti, esistono diversi aspetti da considerare e dei quali essere a conoscenza prima di cambiare i tuoi soldi in moneta locale, così da non incorrere in commissioni nascoste o tassi di cambio sfavorevoli.

Se vuoi sapere come ottenere il meglio dal tuo cambio valutario, è basilare essere a conoscenza del quando, dove e come sia preferibile e conveniente cambiare i soldi per il tuo prossimo viaggio.

Cominciamo.

“Prima della partenza o una volta a destinazione?”

È questo uno dei dubbi più comuni.

La valutazione è da fare in base alla valuta in questione e al paese in cui viaggerai. Infatti, in linea generale, se vuoi cambiare i soldi già in Italia prima di partire, il cambio sarà tanto più vantaggioso quanto più sarà “diffusa e facilmente reperibile” la valuta nella quale devi cambiare i tuoi soldi (in primis, Dollaro Americano).

Per questo motivo, cambiare i soldi una volta arrivatə a destinazione è solitamente più conveniente (poiché, chiaramente, è il luogo in cui sarà più facile reperire quella moneta). 

Esempio: se viaggerai dall’Italia alla Thailandia e devi cambiare i tuoi Euro in Bath, probabilmente sarà più vantaggioso cambiare i tuoi soldi in loco, dato che se ti trovi in Thailandia i Bath sono la valuta locale reperibile ovunque. E, allo stesso tempo, i tuoi Euro saranno considerati come una moneta più “rara” e di maggior valore e quindi ti permetteranno di ottenere più denaro in cambio.

Dove cambiare i soldi

“È più conveniente cambiare in aeroporto, in banca o in un ufficio di cambio?”

Aeroporto: evita di cambiare i tuoi soldi in aeroporto, se non in casi di estrema necessità. È qui infatti che probabilmente troverai alcune tra le commissioni di cambio più alte (parliamo anche di circa il 10% o più).

Banche locali: non sono da escludere a priori, visto che alcune potrebbero offrire tassi di cambio interessanti. Tieni d’occhio, però, le commissioni (che di solito partono dal 3% in su) e i costi di gestione (spesso al prezzo fisso di circa €10). Tieni conto anche ai giorni e orari di apertura, spesso ridotti o interrotti senza preavviso.

Money exchange: per gli uffici di cambio sparsi per le vie delle città vale lo stesso discorso. Prima di fare qualsiasi cosa, verifica sempre quale sia il tasso di cambio di mercato; poi, con questa informazione, individua chi lavora onestamente o chi fa il furbo inserendo commissioni nascoste rincarando alla base il tasso di cambio (così che non risultino nella transazione). Queste possono andare da un 3% fino a raggiungere, nei casi più estremi, anche il 20% di commissioni… dettaglio non trascurabile.

CONSIGLIO: in ogni caso, se vuoi abbattere i costi dell’operazione, cerca sempre di cambiare somme maggiori nello stesso momento.

dove e come cambiare i soldi

Non credere a chi promette “zero commissioni”: nessuno lavora per il bene del tuo portafoglio. Le commissioni che dicono di non applicarti le includono già nel tasso di cambio, che se vai a confrontarlo sarà molto più svantaggioso rispetto a quello di mercato.

Dunque, cosa fare prima di eseguire qualsiasi conversione di valuta? Apri la tua app e verifica il cambio del giorno.

La mia soluzione preferita

Dopo anni in giro per il mondo, ho elaborato e individuato la modalità (a mio parere) più vantaggiosa.

  • Solitamente, non cambio i soldi in Italia. Arrivata a destinazione, prima di uscire dall’aeroporto, converto o prelevo una piccola somma per pagare i trasporti fino al mio alloggio o per emergenze: verifico prima il tasso di cambio offerto dai money exchange dell’aeroporto e/o provo a prelevare da un ATM per vedere i costi di transazione applicati (mostrati poco prima di completare l’operazione). Vedo quale opzione è più conveniente e procedo di conseguenza.
  • Durante il viaggio, all’occorrenza, prelevo con la mia carta di credito Revolut dagli ATM: ci saranno sempre dei bancomat che applicano tariffe di transazioni salate, e altri che usando una carta Revolut offrono prelievi gratuiti. Cerca di individuarli e prediligi questi.

7 consigli universali

Ecco 6 semplici regole da tenere sempre a mente prima di cambiare i soldi per il tuo viaggio:

1. Verifica sempre i tassi di cambio aggiornati. Il modo migliore per ottenere i migliori tassi di cambio, è essere al corrente di quale sia il tasso di cambio ufficiale di mercato, aggiornato al giorno corrente. I siti che consiglio per la verifica sono Oanda e Xe (disponibili anche come app). Su Iphone, uso da anni l’app “Converter“.

2. Maggiore l’importo, maggiore il risparmio. È sempre più conveniente cambiare importi maggiori di denaro in un’unica transazione, piuttosto che somme minori in più volte. Questo infatti ti permetterà ti risparmiare abbattendo i costi fissi delle commissioni applicate.

3. Considera in che valuta cambiare… e se cambiare. Attenzione a partire prevenutə e cambiare troppi soldi in valuta locale. Infatti, in alcuni Paesi e regioni del mondo potrebbe essere quasi… inutile. Per fare un esempio: in Cambogia e in Kenya, è possibile (e preferibile) pagare praticamente ovunque in dollari americani, piuttosto che nella moneta locale (riel cambogiano e scellini, rispettivamente). Quindi, in questo caso, sarebbe più conveniente cambiare gli Euro in Dollari Americani, piuttosto che in moneta locale. Mentre in altre parti di mondo, è invece assolutamente necessario utilizzare la valuta locale.

4. Conserva le ricevute. In alcuni paesi, potrebbero venirti richiesti per verifiche e controlli (per esempio in aeroporto) le ricevute dei cambi valuta. Inoltre, le ricevute potrebbero sempre tornarti utili per confrontare più facilmente i diversi tassi/commissioni di cambio e trovare il tuo money exchange di fiducia.

5. Quando sembra troppo bello per essere vero, probabilmente non è vero. Un operatore che ti offre la miglior tariffa di cambio che tu abbia mai sentito, è possibile che non ti sta parlando delle commissioni nascoste. Chiedi all’operatore di scrivere quanti soldi ti consegnerebbero in mano cambiando xx€: confronta quel numero con il tasso di cambio del giorno e valuta se ne vale la pena. Attenzione anche dove cambi i soldi: controlla sempre che ti venga consegnato l’intero importo pattuito, richiedi la ricevuta della transazione e diffida sempre da i money exchange “non autorizzati”. Infatti ricorda che il mercato nero di valute è illegale e perseguibile in vari paesi del mondo.

6. Per i pagamenti elettronici, scegli l’opzione “paga in valuta locale”. Quando paghi in un negozio con la carta e ti viene chiesto se vuoi pagare in Euro o in valuta locale… opta per la seconda. Avrai così il controllo del tasso di cambio e un’idea precisa di quanto stai pagando.

7. Prima di partire, verifica con la banca legata alla tua carta di credito se ci sono banche affiliate nel paese in cui ti recherai: potresti così risparmiare notevolmente sui costi di transazione.

Riassumendo…

è evidente che non esiste una regola universale in grado di assicurarti sempre e comunque il miglior affare quando si tratta di cambiare i soldi. Quello che conta davvero e che ti guiderà verso la soluzione migliore è conoscere il tasso di cambio del giorno. Infatti, solo così potrai valutare l’opzione più conveniente e non incorrere in fastidiose (e costose) commissioni nascoste.

Share this post

Lascia un commento